Pubblicato da: Insieme per un Futuro | 13/08/2010

La Maschera Magica

C’era una volta un signore grande e potente, a capo di migliaia di soldati,  conquistatore di molte terre. Era saggio e coraggioso, rispettato e temuto da tutti, ma non amato. Con il passare degli anni si fece sempre più serio e rimase sempre più solo. Il suo volto rifletteva l’astio e l’avidità del suo animo. Intorno alla sua bocca crudele e sulla sua fronte c’erano profonde rughe causate dal suo atteggiamento irato che non gli permettevano mai di abbozzare un sorriso.

In un’altra città del suo regno c’era una bellissima giovane che da mesi aveva catturato la sua attenzione. Innamorato, egli decise di chiederle di sposarlo. Si vestì dei suoi abiti migliori e si pose in capo la corona d’oro. Poi si guardò allo specchio per vedere che impressione avrebbe fatto sulla sua amata. Vide però un’immagine tutt’altro che attraente: un volto crudele e duro che sembrava ancora più orrendo se cercava di sorridere.

Gli venne un’idea. Mandò a chiamare uno dei suoi maghi. “Fammi una maschera di cera, così sottile da seguire ogni lineamento del mio volto, dipinta con colori magici che lo facciano apparire bello e raggiante. Fa’ in modo che io non la possa togliere. Falla bellissima, attraente. Usa tutti i tuoi incantesimi. Pagherò qualunque prezzo.”

“E’ possibile”, disse il mago, “ad una condizione. Devi mantenere la stessa espressione che dipingerò sulla maschera. Altrimenti si rovinerà. Una sola espressione d’ira la danneggerà per sempre e non potrò più rifarla.”

“Farò qualunque cosa”, ribatté il signore, “pur di conquistare l’ammirazione e l’amore della mia adorata. Dimmi come preservare la maschera.”

“Devi avere buoni pensieri”, rispose il mago, “e per farlo devi fare opere buone. Devi adoperarti per la felicità del tuo regno, non per la sua potenza. Devi sostituire l’ira con la comprensione e con l’amore. Costruisci delle scuole per i tuoi sudditi e non solo delle prigioni; degli ospedali e non solo delle navi da guerra. Sii gentile e cortese con tutti.”

La bellissima maschera fu completata. Nessuno la poteva notare. I mesi passarono e spesso essa corse il pericolo di rovinarsi, ma il signore fece tutto il possibile per preservarla. La bellissima giovane divenne sua sposa e tutti i suoi sudditi rimasero stupiti dai cambiamenti che videro in lui. Attribuirono il merito alla sua amata che, essi pensarono, l’aveva aiutato ad essere come lei.

Aprendo la sua vita alla gentilezza e alla cortesia, il signore scoprì anche l’onestà e si pentì di avere ingannato la sua sposa. Mandò di nuovo a chiamare il mago.

“Toglimi questa maschera di falsità!”, disse. “Non è il mio vero volto!”

“Se la tolgo”, rispose il mago, “non potrò farne un’altra, e tu dovrai tenere lo stesso volto per sempre.”

“Preferisco far così”, replicò il signore, “piuttosto che ingannare la persona dalla quale ho ottenuto sleal-mente amore e fiducia. Preferisco che lei mi disprezzi piuttosto di continuare a trattarla ingiustamente. Toglila, ti dico! Toglila!”

Il mago tolse la maschera e il signore, con angoscia e timore, si avvicinò allo specchio. I suoi occhi si illuminarono e un sorriso sbocciò sul suo viso quando si accorse che le rughe d’espressione erano sparite e il suo volto era identico alla maschera che aveva portato! Quando ritornò a casa, sua moglie non vide che lo stesso viso che aveva amato.

La morale della storia è risaputa: il volto riflette lo stato d’animo, i pensieri, i sentimenti, le emozioni. Le Scritture ci insegnano: “Tutto quello che è vero, nobile, giusto, puro, amabile, onorato, quello che è virtù e merita lode sia oggetto dei vostri pensieri” (Filippesi 4,8).


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: